Les Bienheureux / The Blessed

Dopo quasi vent’anni di massacri, Algeri oggi paga le conseguenze di una guerra civile che ha segnato intere generazioni. Amal e Samir sono una coppia di ex militanti. Vivono una realtà progressista in cui vigono rispetto reciproco e libertà d’espressione, nonostante il tessuto sociale e il governo della città vadano in direzione opposta. Durante la cena per il ventesimo anniversario del loro matrimonio, le opinioni circa il futuro del figlio Fahim fanno emergere con forza contrasti e disillusioni che minano la stabilità familiare. Per le strade, intanto, Fahim e i suoi amici si scontrano con le contraddizioni di una società ipocrita, ancora ostile ad un vero cambiamento culturale.

After almost twenty years of massacres, Algiers today it pays the consequences of a civil war that has marked entire generations. Amal and Samir are a couple of former militants. They live a progressive reality in which mutual respect and freedom of expression prevail, despite the social fabric and the government of the city are going towards the opposite direction. During a dinner celebrating their 20th wedding anniversary, opinions about the future of their son Fahim forcefully bring out discord and disillusions that undermine family stability. Meanwhile, down in the streets, Fahim and his friends clash with the contradictions of a hypocritical society, still hostile to real cultural change.

La Regista

Sofia Djama è nata nel 1979 a Oran, in Algeria. È regista e scrittrice diplomata all’Università di Bejaia nel 1997 e attualmente vive a Parigi. Nel 2010 è candidata al seminario sponsorizzato dall’Associazione Chrysalide e al seminario di scrittura di Bejaia organizzato da Project Heurts. Il suo primo film è un cortometraggio del 2011, Mollement un Samedi Matin, che ha ricevuto un premio al Clermont-Ferrand Film Festival. Nel 2012 ha diretto il documentario La Tete Dans les Aures. Il suo film The Blessed è stato presentato in anteprima alla Mostra de Cinema di Venezia e si è aggiudicato due premi: il Premio Orizzonti Per La Miglior Interpretazione Femminile a Lyna Khoudri e il Premio Lina Mangiacapre destinato alle opere filmiche capaci di modificare le rappresentazioni e le immagini della donna come soggetto di storia e di cultura.

Sofia Djama was born in 1979 in Oran, Algeria. She is a director and writer graduated from the Bejaia University in Algeria, in 1997 and now she lives in Paris. In 2010 she was a candidate for workshop sponsored by the Association Chrysalide and for the Bejaia writing workshop organized by Project Heurts. Her first film is a fiction, Mollement un Samedi Matin, a drama that received an award at the Clermont-Ferrand Film Festival. She directed the documentary La Tête Dans les Aurès, in 2012. Her film Les Bienheureux premiered at Venice IFF and it won two prices.

Filmografia

2017 – Les Bienheureux – The Blessed, lm / 2012 – La tete dans les aures , doc / 2011 – Mollement, un samedi matin, cm

  • Titolo: Les Bienheureux / The Blessed
  • Regista: Sofia Djama
  • Nazionalità: Francia, Belgio, Qatar
  • Anno di uscita: 2017
  • Tipologia: Lungometraggio
  • Durata: 102 min
  • Interpreti: Sami Bauajila, Nadia Kaci, Faouzi Bensaïdi, Amine Lansari, Lyna Khoudri, Adam Bessa, Hadjar Benmansour, Salima Abala.
  • Tematiche:
  • Lingua:
  • Consigliato a:
  • Anno di presentazione al FCAVR: 2018
  • Anno di premiazione al FCAVR:

Trailer
https://www.youtube.com/watch?v=-IZiPNtx6fc