In memoria

idrissa_ouedraogo_cines_del_sur_2007_0Il Burkina Faso piange Idrissa Ouedraogo, uno dei suoi grandi registi. È mancato domenica 18 febbraio 2018 in una clinica di Ouagadougou, la capitale del Paese, a seguito di una malattia. Aveva 64 anni.Vera e propria icona della settima arte del suo paese, Idrissa Ouédraogo si è fatto conoscere al grande pubblico con il suo film Tilaï, che ha vinto nel 1991 il prestigioso Étalon d’or de Yennenga al Panafrican Film Festival di Ouagadougou. Con i suoi film è passato a Verona al Festival di cinema africano.

Laureato all’Istituto Africano di Studi Cinematografici di Ouagadougou e l’Università Paris I Sorbonne, Idrissa ha firmato molti film, lungometraggi e cortometraggi. Yaaba (1989), Samba Traoré (1992), Le cri du coeur (1994), Kini & Adams (1997) e La colère des dieux (2003) sono tra i capolavori di colui che viene affettuosamente soprannominato “Maestro” a Ouagadougou. Protagonista della casa di produzione Les films de la plaine, ha anche partecipato alla riflessione collettiva sul film 11-09-01 sugli attacchi terroristici di New York nel 2001.

L’annuncio della sua scomparsa ha causato un’ondata di tributi. Su Twitter, il presidente Roch Marc Christian Kabore ha salutato la memoria di un ambasciatore del cinema africano: «Il Burkina Faso ha appena perso un regista con un talento immenso profondamente legato al suo paese. Rendo omaggio a Idrissa Ouédroago che si è dedicato molto per promuovere il cinema burkinabe e africano fuori dai nostri confini. L’Africa, con la sua scomparsa, perde uno dei suoi più importanti ambasciatori della cultura».